Maledetta Beyoncè!

Ormai ci siamo.. queen B sta per partorire i gemelli e allora sarà il delirio!

Ieri sera guardavo lo show di Virginia Raffaele con emozioni contrastanti, un po’ perchè non riuscivo a non pensare alle persone che lavorano intorno a lei che conosco personalmente e ho perso per strada, un po’ perchè lei è bravissima, ma con la storia della nonna cavallerizza mi ha tirato fuori quell’invidia che poi ti rovina tutto il resto dello show!

Insomma.. non basta essere la più figa del reame, deve avere pure l’albero genealogico da sogno! eh no Virgi… qualche gioia lasciala anche a noi! 😉

La chiamavano: Asso piglia tutto!

Comunque lo spettacolo mi piace, poi ci sono un sacco di momenti che strizzano l’occhio al pubblico gay (Gabbani, Bolle, Garko e il monologo finale) …per essere Rai2 hanno fatto un bel lavoro per accontentare tutti e son curioso di vedere le prossime serate.

Ma che centra questo con Beyoncè?

Un cazzo. però centra con i motivi per cui parlo di Beyoncè.

L’avete visto il video di “I was here”? dove lei performa per le Nazioni Unite con quel mega schermo dietro che fa vedere un sacco di realtà tristi e povere del mondo accomunate dal fatto che comunque “IO C’ERO, HO AMATO, HO VISSUTO” quindi sono una persona dignitosa che ha diritto ad essere riconosciuta nel mondo…

Quel video mi ha commosso più di una volta, poi la canzone è bellissima e lei ha un grande pathos mentre canta, fra inquarature di bambini del terzo mondo e il pianeta che viene tutto collegato dal computer grafica alla google maps. quindi per molto tempo ho pensato che Beyoncè fosse il nuovo messia!

Ma quel “io ero qui” a volte mi sa di assoluto (perchè ognuno di noi ha un universo di storie ed emozioni dentro) e a volte mi sa di 15 minuti di celebrità alla Warhol, come tutti quelli che continuano a farsi i selfie con i personaggi famosi… ma perchè?

Hai la fortuna di incontrare, incrociare, vedere, spiare una persona che stimi (che qui la facciamo molto più nobile di quel che spesso è!) e non ti ricapiterà forse mai più perchè quel tipo di persone non è che le rivedi poi al supermercato… e invece di avere uno scambio di valore, invece di cercare un’esperienza unica, ti limiti a chiedere lo scontrino, la ricevuta dell’incontro, l’attestato da mostrare agli amici (che sia un selfie, un autografo o un pezzo di calzino strappato a morsi!) perchè devi dire che “io l’ho incontrato, io l’ho toccato, eravamo insieme nello stesso momento e nello stesso luogo e ci siamo scambiati due parole.. guarda guarda!!!!

Che poi, come ho accennato prima, tanti di quei personaggi da selfie non sono neanche artisti che segui e che ami, ma solo persone che riconosci essere dei VIP, quindi diventa quasi automatico farcisi la foto.. perchè alla fine i VIP di oggi, quelli che nascono in TV e sui social esistono solo per e grazie a: la fama.

Mi piacerebbe andare indietro nel tempo e sentire com’era il vivere quando non si era ossessionati dal gradimento degli altri, dai followers, dal ranking, dal fattore “FAMOSO”.

Fino a poco tempo fa le persone che diventavano “qualcuno”, che diventavano interessanti per la stampa e il pubblico facevano qualcosa di speciale, avevano dei motivi particolari per cui si differenziavano dalla massa… ed erano meno, molti meno, ma eravamo tutti meno.

Oggi siamo in tantissimi e grazie ai vari talent show sappiamo che tantissimi di noi fanno dei numeri assurdi! ci sono artisti incredibili in giro, persone che davvero vorresti guardare, ascoltare, ancora, ancora e ancora, ma quelli non diventano “i famosi”.

I famosi sono spesso persone che hanno un certo sex appeal e che hanno fatto della visibilità la loro professione.

Puoi anche non avere nessun merito speciale, ma se fai ascolti prima o poi ti verrà riconosciuto un premio alla carriera!

Io non penso che Chiara Ferragni debba essere derisa per la sua adolescenza con le “k” e le Fornarina.. quello è veramente un colpo basso! Però non capisco cos’abbia lei di migliore rispetto a tutti gli altri fashion blogger del pianeta.

Boh.. di sicuro è bellissima, quindi è già avvantaggiata.

Insomma: “I was here” è un po’ il mantra della vita per tutti. Registriamo tutta la nostra vita con foto, video e aforismi come se stessimo già girando il documentario autobiografico da lasciare ai cari dopo la nostra morte, perchè in un mondo complicato in cui spesso non si capisce il senso di vivere, comunque il fatto di aver vissuto vale.

Vale l’esserci stati, l’aver fatto il giro in giostra, anche senza chissà che scoperte, rivelazioni o illuminazioni.

Forse nessuno sogna più di essere Galileo, Jules Verne, Thomas Edison o Gandhi, ma avere i soldi di Fedez o di Beyoncè piacerebbe a molti!

“I lived, i loved, i was here”.

Trovare l’amore non è mai stato così difficile e sembra sempre più importante.

Magari basterebbe trovare l’amore per l’ambiente, le piante, il proprio lavoro, la propria famiglia, oppure l’amore per i giorni in cui piove col sole, per i calzini spaiati, per affondare le dita nei facioli come Amelie…

Invece in qualche modo i fotoromanzi hanno fatto scuola.

Maria De Filippi vecchia volpona! ci hai incollati allo schermo come Alvaro Vitali che spia il culo della Fenech.. tutti pronti ad applaudire al primo vero bacio d’amore!

Peccato che qui nessuno si sveglierà da un sonno mortale, ma piuttosto porterà ad un sonno mortale lo spettatore!

Lo so, lo so… nulla vieta di non guardare la TV, di non stare sui social, di non vivere online, i miei discorsi partono dall’interno di questo meccanismo perchè io ne sono totalmente vittima e lo riconosco, ma siccome l’evoluzione porta innovazione e questo mondo fatto di elettricità e pollici è comunque una parte della contemporaneità, non posso far finta che non ci sia, anche perchè tutti sanno che c’è e molti se ne lamentano già! io compreso.

Ecco… adesso dallo stereo canta Fedez. tutto torna!

Io ripenso a Beyoncè e ai gemelli che sta per partorire… auguro loro di innamorarsi incestuosamente e mostrarlo a tutti fino alle nozze, portando il mondo ad un passo avanti tale per cui essere gay o trans non sia più occasione per discriminare.

Spero che il mondo tracolli, che ci siano guerre e distruzioni, che muoia tanta gente e in malo modo. Perchè se mi hanno sempre detto che la storia serve a imparare dagli errori passati, ora comincio a pensare che quelli che me lo dicevano non avevano capito nulla!

Siamo portati ad adagiarci sugli allori delle vittorie raggiunte e quando abbiamo il potere non ci interessa più di nulla se non di mantenere e accrescere il nostro potere.

Abbiamo sempre fatto guerre e sempre le faremo, abbiamo sempre ucciso e continueremo a farlo, con le migliori tecnologie possibile.

Allora venga la distruzione totale!

Finalmente poi torneranno motivi più nobili per aver voglia di fare le cose ed essere qualcuno, non perchè qualcunaltro sa chi siamo, ma perchè noi sappiamo qual’è la nostra importanza, il nostro ruolo, la nostra specialità e la nostra posizione nel cerchio della vita.

Ad oggi ci frega solo di avere un attico su di un grattacielo ed il passaporto pieno di timbri.

Nulla di male, ma a mio parere rispetto alle infinite possibilità della vita è alquanto riduttivo.

Cara Beyoncè… mi raccomando, stavolta che stai portando a termine una gravidanza vera… stupiscici!

Se hai letto tutto l’articolo hai vinto un selfie con la Ferragni (autografato)! 😉

Ciaone!

Annunci

5 thoughts on “Maledetta Beyoncè!”

  1. Sandro l’articolo l’ho letto tutto per due volte cosa ho vinto?
    Virginia Raffaele è un mito, ho visto un suo spettacolo a teatro e devo dire che il successo se lo merita tutto.
    A proposito dei fashion blogger, avendo una cugina che lavora nel campo della moda, mi è capitato di conoscerne diversi nelle varie fashion week e ti assicuro che la bellezza conta e parecchio, altrimenti, a di là di una buona dose imprenditoriale, la Ferragni e Di Vaio non sarebbero arrivati così in alto. Ti basti pensare che il figlio di quest’ultimo Nathan, che ha solo 5 mesi di vita, consta già di un profilo instagram (curato da mamma e papà) con un numero di followers da far invidia ad una star internazionale…e sicuramente non sarà per il suo sex appeal.
    Un abbraccio
    Andrea

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...